Multimedialità e insegnamenti linguistici

Multimedialità e insegnamenti linguistici

Autore: 

Torino, UTET Libreria, 1999, pag.164.

Il binomio computer-lingue straniere è sempre più attuale, specialmente da quando il computer è diventata una vera e propria “macchina per la comunicazione”, in grado di “ascoltare, parlare, leggere e scrivere”.

Queste caratteristiche rendono la strumentazione multimediale interessante ai fini di un approccio comunicativo all’insegnamento delle lingue straniere, ma non sufficiente a garantirlo: infatti, nonostante sia sempre latente l’idea di una macchina che renda inutile la presenza dell’uomo, ci si rende conto, leggendo le pagine del libro, che solo un’adeguata preparazione glottodidattico-metodologica può garantire un adeguato sfruttamento delle risorse informatiche ai fini dell’apprendimento linguistico e che qualsiasi software, per quanto ben strutturato e potente, non sarà mai in grado di adeguarsi all’utente se non attraverso la mediazione di un “esperto” del settore.

Queste le tematiche affrontate da Porcelli nei primi due capitoli del libro, in cui cerca di dare un quadro sistematico di riferimento del rapporto uomo-lingue-macchina, all’interno del quale collocare tutta la discussione in merito.

Nei capitoli successivi Dolci passa in rassegna i vari “media” messi a disposizione dalle nuove tecnologie, soffermandosi sempre sui risvolti linguistici che tali opportunità presentano. D’obbligo una riflessione sul nesso fra informatica e autonomia, vista la crescente spinta verso l’autoapprendimento e i bisogni generati dal life long learning, particolarmente sentito nell’ambito delle lingue straniere.

Infine Dolci traccia un profilo dell’insegnante di lingue straniere nella “nuova era”, cercando di individuare le competenze imprescindibili che tale figura deve possedere, ma anche mettendo in luce come la formazione specifica dell’insegnante non si debba e non si possa mai ritenere acquisita una volta per tutte, ma debba essere oggetto di continuo aggiornamento e perfezionamento.

Il volume è rivolto ad insegnanti di lingue straniere operanti all’interno di qualsiasi tipo di istruzione che intendano iniziare un percorso di autoformazione nel settore specifico delle glottotecnologie, consci dell’importanza dell’elemento didattico oltre a quello tecnologico.

La netta scansione degli argomenti, la precisione della trattazione unite al linguaggio scientifico ma chiaro ne fanno un testo veramente alla portata di tutti gli insegnanti, anche dei più “scettici” nei confronti della tecnologia.

paola.celentin@lingue.univr.it
Università degli studi di Verona

Keywords: 

Laboratorio Itals newsletter

Iscriviti per rimanere sempre informato sui nostri corsi e le nostre Attivitá

Abbonamento a Laboratorio Itals newsletter feed

Contatti

Per informazioni contattaci ai seguenti recapiti


Per informazioni sui Master: