“La motivazione negli apprendimenti linguistici: approcci teorici e implicazioni pedagogiche”

“La motivazione negli apprendimenti linguistici: approcci teorici e implicazioni pedagogiche”

Autore: 

Italiano LinguaDue, n. 1, 2012

Si è sempre saputo che la motivazione è un fattore essenziale nel processo di apprendimento. Per

avere successo e raggiungere gli obiettivi formativi è necessario che i discenti siano maggiormente

motivati. Nel presente contributo di Luciano Mariani la motivazione si presenta come un “costrutto

multidimensionale, dinamico e socialmente costruito”. La motivazione non è più un “dono di

natura” ma un insieme di dimensioni psicologiche e socioculturali. Essa viene vista come una

competenza che è possibile costruire e sviluppare lungo tutto il percorso formativo. E’ importante

notare che nel saggio, accanto ad alcuni apporti teorici vengono citate una serie di affermazioni e

metafore degli studenti, raccolte dall’autore nel corso di diversi sondaggi sulla motivazione e sulle

convinzioni e gli atteggiamenti nei confronti dell’apprendimento delle lingue a scuola. Il contributo

si articola in tre parti principali: motivazione, lingue e culture; motivazione e percezioni di sé;

motivazione e compiti di apprendimento. Nella prima parte l’autore afferma che gli apprendimenti

linguistici si distinguono da altri tipi di apprendimento in quanto, oltre l’acquisizione di conoscenze

e dello sviluppo di abilità, essi hanno un grande impatto sull’identità personale dei discenti. Si nota,

inoltre come si perde la netta distinzione tra la motivazione integrativa e strumentale in

conseguenza dell’emersione di nuovi contesti educativi e la globalizzazione degli apprendimenti

linguistici. La seconda parte è dedicata all’autodeterminazione ed alle attribuzioni causali. L’autore

sottolinea che le attribuzioni causali si strutturano in base alle percezioni che le persone

costruiscono su sé stesso in relazione ai contesti in cui operano. In seguito si sofferma sulla qualità

delle esperienze di apprendimento come una variabile fondamentale della motivazione. L’autore

conclude affermando che sia l’insegnante che lo studente possono mettere in atto una serie di

strategie che promuovono la motivazione e il loro coordinamento conferma ancora una volta il

carattere multidimensionale e socialmente costruito della motivazione.

vardanyan@unive.it
Università Ca'Foscari Venezia

Keywords: 

Laboratorio Itals newsletter

Iscriviti per rimanere sempre informato sui nostri corsi e le nostre Attivitá

Abbonamento a Laboratorio Itals newsletter feed

Contatti

Per informazioni contattaci ai seguenti recapiti


Per informazioni sui Master: