Lingue straniere e multimedialità - Nuovi scenari educativi

Lingue straniere e multimedialità - Nuovi scenari educativi

Napoli, Liguori Editore, 2000, pag. 347.

L’opera ha l’obiettivo di analizzare le tematiche connesse alla didattica delle LS alla luce delle teorie pedagogiche più recenti (cognitivismo e costruttivismo), che pongono l’accento sul processo di apprendimento, ma considerando i nuovi ambienti di apprendimento offerti dalla tecnologia multimediale e, in particolar modo, da Internet.

La prima parte del volume inserisce il discorso glottodidattico nel più ampio quadro delle scelte educative del contesto Europeo, sia in termini di sviluppo tecnologico che di promozione dell’autonomia nell’apprendimento. In seguito l’accento si sposta sull’analisi del connubio teorie dell’apprendimento-tecnologie e, avvalendosi dei contributi provenienti da vari fronti (intelligenze multiple, intelligenza emotiva, costruttivismo, Cooperative Learning, stili di apprendimento), le autrici cercano sempre di riportare il discorso nell’alveo delle potenzialità offerte dall’innovazione tecnologica.

Chiave di lettura fondamentale dell’intera opera è la considerazione che la multimedialità non si pone come un nuovo strumento a disposizione dell’insegnante di lingue per somministrare gli stessi contenuti, ma come un vero e proprio scenario educativo all’interno del quale procedure e metodologie devono essere oggetto di una nuova analisi.

Le autrici passano quindi in rassegna tutte le varie possibilità offerte dalla multimedialità (programmi di scrittura, fogli elettronici e database, tutoriali, ipertesti, videogiochi, telematica, Internet) e i vari generi multimediali (cioè le varie “formulazioni” con cui i software interessanti per le LS possono essere concepiti: corsi di lingua, corsi disciplinari per materie specifiche, dizionari, enciclopedie,…). Per ognuna di queste voci offrono una dettagliata analisi tecnico-strumentale e offrono delle interessanti schede di attività didattiche pratiche da proporre in classe, vero e proprio punto di forza del volume.

Infine le autrici si soffermano sulle esigenze formative dell’insegnante di LS e sulla sua necessaria opera di valutazione di tutto il materiale multimediale che gli viene sottoposto, al fine di giudicarne la validità, sia in termini strumentali che in termini didattico-operativi. A questo fine nelle appendici del libro vengono offerte anche alcune interessanti schede per la valutazione del software.

I destinatari di quest’opera sono senza dubbio tutti gli insegnanti di LS che intendano confrontarsi con le sfide poste dallo sviluppo tecnologico: il linguaggio è semplice e adatto anche ai “non addetti ai lavori” e la strutturazione, chiara e progressiva, permette di individuare delle coordinate guida per la didassi quotidiana.

paola.celentin@lingue.univr.it
Università degli studi di Verona

Keywords: 

Laboratorio Itals newsletter

Iscriviti per rimanere sempre informato sui nostri corsi e le nostre Attivitá

Abbonamento a Laboratorio Itals newsletter feed

Contatti

Per informazioni contattaci ai seguenti recapiti


Per informazioni sui Master: